La merenda dei bambiniMerenda merendina e TV in cantina!

La Società Italiana di Pediatria e molti articoli pubblicati su riviste autorevoli come Pediatrics evidenziano che bambini tra i 3 e i 10 anni passano in media due ore al giorno davanti alla tv (negli studi non vengono contate le ore con videogiochi alla mano!) e questo li espone alla probabilità dell'80% che diventino più grassi rispetto ai bambini che non hanno questa abitudine.
Il problema non è solo legato al fatto che il bambino si "impigrisce" ed è sempre più sedentario o che i messaggi spesso sono diseducativi, quello che è preoccupante (e che ha portato a me come mamma a scegliere di eliminare la tv in casa) sono le pubblicità ingannevoli, che minano la salute del bambino forse più della televisione in generale.

Non è un caso che il 90% degli spot televisivi propongono cibi spazzatura, contribuendo ad aumentare l'incidenza di obesità infantile.
La "ciliegina sulla torta" è con chi guarda la tv il bimbo: la merendina!
Molti genitori mi chiedono "cosa è meglio proporre al bambino a merenda".
Prima ancora di suggerire la giusta merenda, consiglio sempre di spegnere la tv in quanto ormai è un'equazione matematica: "merenda-tv".

Questo crea inevitabilmente un atteggiamento e una visione distorta del cibo e del senso di sazietà percepito dal bambino, in quanto il cervello è distratto dalla televisione e come per gli adulti, si mangia più del dovuto.

Quindi, per prima cosa, abituate il bambino a fare merenda in cucina con voi o all'aria aperta.
Detto questo, lo scopo della "merenda" è quello di fornire il giusto quantitativo di energia e spezzare intervalli troppo lunghi tra un pasto e l'altro; per questo, il panino con prosciutto o una merendina e una bibita industriale risultano eccessivi e poco salubri da un punto di vista nutrizionale (anche se il bambino andrà a fare sport).
La merenda ideale dovrebbe essere costituita in buona parte da frutta, yogurt e miele, una spremuta e un pugno di semi oleosi, un bel frullato con frutta e cacao, oppure una piccola porzione di torta fatta in casa magari proprio insieme ai vostri figli (i bambini amano molto cucinare con noi).
Quello che andrebbe evitato è quindi il cibo che fornisce molte calorie ma che è povero di nutrienti (come merendine confezionate, panini super farciti, patatine fritte e bevande zuccherate).
La proposta che spesso faccio alle mie pazienti mamme è quella che io stessa ho sperimentato: provare a ridurre (o come ho fatto io, a eliminare!) l'uso della tv.

Chi ne guadagna sarà non lo solo la sua salute fisica, ma anche il suo umore, la sua capacità di concentrazione e anche la "salute familiare" per poi scoprire un giorno che farne a meno è possibile e soprattutto piacevole!

 

 

Articolo a cura della
Dr.ssa Alessandra Cremonini

 

Disponibile per appuntamento:

martedì pomeriggio

 

Poliambulatorio Castello © 2021